Cerdito d’imposta per la Ricerca & Sviluppo

Anche le PMI impegnate nella ricerca e sviluppo possono usufruire di un credito d’imposta. L’articolo 3 del decreto legge 23/12/2013, n145 prevede che “A tutte le imprese, indipendentemente dalla forma giuridica, dal settore economico in cui operano nonche’ dal regime contabile adottato, che effettuano investimenti in attivita’ di ricerca e sviluppo, a decorrere dal periodo di imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2014 e (fino a quello in corso al 31 dicembre 2020), e’ attribuito un credito d’imposta (nella misura del 50 per cento delle spese) sostenute in eccedenza rispetto alla media dei medesimi investimenti realizzati nei tre periodi d’imposta precedenti a quello in corso al 31 dicembre 2015.”

Il credito d’imposta riguarda le spese relative:
a. al personale impiegato nella ricerca e sviluppo;
b. quote di ammortamento delle spese di acquisizione o utilizzazione di strumenti e attrezzature di laboratorio;
c. spese relative a contratti di ricerca stipulati con università, enti di ricerca e organismi equiparati.

ATTIVAMENTE vi assiste:

1. nella ricerca documentale
2. nell’analisi dei requisiti
3. nella redazione della documentazione a supporto (lettere d’incarico, inquadramento, ecc.)
4. calcolo del credito d’imposta
5. redazione della domanda e certificazione
6. monitoraggio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top